Festival delle scoperte

A seguito dei provvedimenti governativi e per impedire la diffusione del coronavirus l’attività dell’Accademia è sospesa fino al 3 aprile p.v. 

Venerdì 20 marzo 2020

L’Accademia “La Colombaria” ospita tre incontri dedicati al tema del “Tempo” nell’ambito del FESTIVAL DELLE SCOPERTE

ore 10.30 Massimo Mazzoni (fisico)
Ammesso che il tempo esista

ore 16.00 Sandro Rogari (storico)
Tempo storico in approccio epistemologico

ore 18.00 L’Homme Armé (Ensamble di musica antica)
Armonia dello spazio: musica e architettura nella Firenze del ‘400

Dal 20 al 22 marzo 2020 Firenze ospita, per la prima volta, il Festival delle Scoperte.
Tre giorni di conferenze, dibattiti, workshop, laboratori e spettacoli dedicati al piacere delle scoperte nei più vari campi del sapere. Tema scelto per questa edizione Il Tempo, inteso come dimensione in cui si colloca ogni evento che accade. Ad affrontarlo, tra scienze e letteratura, filosofia e religione, arte, teatro e musica, ci saranno oltre 100 ospiti, per 120 appuntamenti dislocati in 20 luoghi diversi.
La scoperta non è semplicemente un ampliamento della conoscenza: avviene all’improvviso, è una rivelazione. La parola deriva dal latino e indica proprio l’atto del levare la copertura da qualcosa. E’ in quel preciso momento, nell’istante in cui il velo si alza davanti allo scopritore, che l’ignoto diventa noto, le cose acquistano una nuova chiave di lettura ed il nuovo entra d’un tratto nell’esperienza umana, vuoi di una singola persona, vuoi dell’intera specie. Ogni scoperta procede alimentando altre curiosità, in un processo incessante e contagioso, portando con se’ ogni volta stupore e meraviglia. Ed è alla ricerca di queste emozioni, che è nato il Festival delle Scoperte, ideato da Marco Panichi e immediatamente abbracciato dall’assessore Tommaso Sacchi e dal Comune di Firenze, dall’Università degli Studi e da tante altre istituzioni fiorentine che hanno partecipato all’impresa, mettendo a disposizione luoghi e coinvolgendo persone, con il sostegno di imprese locali e nazionali come Estra Energia, Unicoop Firenze e Aboca.
Pochi luoghi al mondo sono legati, come Firenze, al sentimento della Scoperta. Nell’arte innanzi tutto, ma anche nella letteratura, nella scienza, nella politica, nella filosofia e nella religione. E grazie ad intrecci misteriosamente favorevoli, queste scoperte da Firenze si sono propagate da Firenze  in tutto il mondo, dando vita ad opere ed idee universali. 
Per tre giorni alcuni dei luoghi più significativi della città ospiteranno i tanti incontri del festival: il complesso de Le Murate, il Cenacolo di Santa Croce, la biblioteca delle Oblate, lo Spazio Alfieri, il Teatro Niccolini, il Museo Galileo, la Fondazione Scienza e Tecnica, Santa Maria Nuova, l’Osservatorio di Arcetri e lo Ximeniano, l’Accademia La Colombaria, l’Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella e anche librerie, cinema e teatri.
Tantissimi gli ospiti coinvolti, per raccontare la quotidianità della Scoperta: il filosofo Telmo Pievani parlerà del valore della serendipità per poi salire sul palco con la Banda Osiris  nello spettacolo Acquadueo; Luigi Dei, Rettore dell’Università di Firenze, si cimenterà in una versione multimediale di Via col Tempo e dialogherà con Massimo Inguscio, presidente del CNR, e con il giornalista scientifico Pietro Greco sul valore del tempo nella ricerca; l’astrofisica Sandra Savaglio ci parlerà dell’universo per chi ha poco spazio-tempo, lo scrittore Marco Malvaldi ci mostrerà come matematica, fisica, chimica e religione siano fuse nel secondo principio della termodinamica. E poi ancora l’astronauta Roberto Vittori (in collegamento dagli Stati Uniti) con il direttore del Marscenter di Napoli Marcello Spagnulo, il divulgatore scientifico Adrian Fartade, l’abate di San Miniato Padre Bernardo e il rabbino Amedeo Spagnoletto, l’astrofisico Amedeo Balbi, l’attrice Daniela Morozzi, i produttori musicali Matteo Romagnoli e Stabber e tantissimi altri.
I temi della Scoperta e del Tempo verranno affrontati anche da storici e medici, filosofi e storici dell’arte, informatici e fotografi, artisti, botanici ed esperti di cucina.
«Scopo della manifestazione», spiega il direttore Marco Panichi «è quello di ricercare la conoscenza attraverso la discussione e l’interazione con esperti di diversi campi e discipline, creando contatti e connessioni tra i mondi della cultura e della ricerca, oltre che fra questi e il mondo della scuola, delle associazioni e dei cittadini tutti». Per tre giorni il Festival delle Scoperte vuole essere dunque, con i suoi tanti incontri, un prezioso momento d’interrogazione su ciò che ci circonda, un’occasione da viversi a pieno per sintonizzarsi su qualcosa di basico ed emozionale, indipendentemente dall’ambito della propria ricerca personale: l’incanto che ogni scoperta porta con sé.
Le conferenze e le presentazioni, i laboratori e i workshop, gli spettacoli teatrali e musicali coinvolgeranno un pubblico vasto, fatto di addetti ai lavori e di appassionati, di studenti, famiglie, bambini e turisti (a ingresso libero conferenze e laboratori per bambini, mentre sarà previsto un contributo d’ingresso per workshop e spettacoli).
Saranno tantissimi gli studenti coinvolti come volontari nell’organizzazione giornaliera del festival, aiuteranno a gestire il flusso del pubblico, dei relatori e saranno pronti a rispondere alle domande dei curiosi. Al termine del festival verrà rilasciato loro un attestato di partecipazione, finalizzato alla “valutazione come credito formativo”. Sempre sul fronte scuola, gli insegnanti che parteciperanno come uditori avranno la possibilità di ottenere accrediti validi ai fini dell’aggiornamento professionale. L’organizzazione del Festival è a cura dell’Associazione culturale Festival delle Scoperte. Il comitato scientifico e artistico è composto da Marco Ciardi,storico della scienza, Giandomenico Semeraro, storico dell’arte, Andrea Gambassi, fisico teorico, Roberto Carlone, musicista e attoree Pasquale Barile, egittologo.

Facebooktwittermail